Generatore di Corrente a Batteria


ups batterieSpesso esiste l’esigenza di avere una spina per connettere un qualsiasi dispositivo elettronico lì dove non si ha energia elettrica. Si potrebbe utilizzare un generatore di corrente a benzina, ma magari siamo all’ interno di una casa e non possiamo utilizzarlo perchè puzza, fa rumore ed i scarichi ci intossicherebbero.

Possiamo utilizzare le batterie, ad esempio quelle delle automobili, ma forniscono solo corrente in continua e quindi inutilizzabile per apparati elettrici come computer, flash per macchine fotografiche, tablet, tv ecc. Dobbiamo quindi utilizzare un generatore di corrente a batteria che è null’altro che un Ups (Uninterruptible Power Supply), ovvero un gruppo di continuità, quelli che si usano quando c’è un blackout oppure sbalzi di tensione per far andare i pc.

Sono delle “scatole” in plastica all’ interno del quale ci sono delle batterie al litio. Il più grande Ups al mondo è da 46 megawatt e si trova in Alaska, per noi sembrano un po’ troppi, potrebbe bastare anche uno da 800VA che garantisce un’autonomia di 1 o 2 ore, a seconda del carico che viene collegato.

Le cose che dobbiamo considerare quando acquistiamo un Ups sono principalmente due, la potenza e la forma d’onda di uscita della corrente fornita. La potenza è importante per misurare il carico che dobbiamo collegare. Se la nostra periferica da alimentare necessita di 1000 watt non possiamo comprare un Ups che ne fornisce 800, non ce la farà mai a dare lo spunto per l’accesione.

La corrente che utilizziamo nelle nostre case è alternata sinusoidale, quella fornita dagli Ups non è proprio una sinusoide, ha più una forma quadra che potrebbe non andar bene per apparati elettronici particolarmente sofisticati.L’unica cosa da fare è provare, provare l’Ups che vada bene per le esigenze proprie. Un modello economico come detto fornirà un’onda un po’ sporca, uno più costoso si avvicina, grazie alla sua circuiteria, all’ onda sinusoidale della corrente elettrica casalinga.

Prezzi Ups da 800 va a partire da 50 euro per gli economici, 250 euro per i professionali.

(Visited 3.446 times, 2 visits today)

2 thoughts on “Generatore di Corrente a Batteria

  1. Esiste un generatore di corrente autonomo? Che si alimenta con la corrente che non utilizza. ? Cioè con la corrente in eccesso?

    • Cristian dovresti avere delle batterie che stoccano l’energia prodotta, ma c’è sempre dispersione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>